Delibera di approvazione del Piano di Bacino stralcio Assetto Idrogeologico (P.A.I)

Bollettino Ufficiale Regione Toscana n. 10 del 9-3-2005

DELIBERAZIONE 1 febbraio 2005, n. 20

Approvazione del piano di assetto idrogeologico per il bacino regionale pilota fiume Serchio.

Il Presidente mette in approvazione la seguente proposta di deliberazione:

IL CONSIGLIO REGIONALE
Vista la legge 18 maggio 1989 n. 183 “Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo”, da ultimo modifi cata 31 luglio 2002, n. 179, che:
  1. individua il valore, le finalità e i contenuti del piano di bacino (articolo 17);
  2. prevede che i piani di bacino possono essere redatti ed approvati per sottobacini o per stralci relativi a settore funzionali (articolo 17, comma 6 ter);
  3. stabilisce l’individuazione di un bacino regionale pilota da parte del Ministero dei lavori pubblici (articolo 30)
  4. stabilisce la competenza della Regione per quanto riguarda l’approvazione del relativo piano di bacino (articolo 30, comma 3);

Visto il decreto del Ministero lavori pubblici 1 luglio 1989 che individua il bacino del fi ume Serchio quale bacino regionale pilota in ottemperanza al disposto dell’articolo 30 della l. 183/1989;
Visto il decreto legge 11 giugno 1998, n. 180 (Misure urgenti per la prevenzione del rischio idrogeologico ed a favore delle zone colpite da disastri franosi nella regione Campania), convertito, con modifi cazioni, dalla legge 3 agosto 1998, n. 267, che prevede l’adozione di piani stralcio di bacino per l’assetto idrogeologico entro il 30 giugno 2001 (articolo 1);
Visto il decreto legge 13 maggio 1999, n. 132 (Interventi urgenti in materia di protezione civile) convertito, con modifi cazioni, dalla legge 13 luglio 1999 n. 226, che all’articolo 9 modifi ca gli articoli 1 e 2 del d.l. 180/1998 convertito dalla l. 267/1998;
Visto il decreto legge 12 ottobre 2000, n. 279 (Interventi urgenti per le aree a rischio idrogeologico molto elevato ed in materia di protezione civile, nonché a favore delle zone colpite da calamità naturali) convertito, con modifi cazioni, dalla legge 11 dicembre 2000 n. 365;
Vista la legge regionale 16 gennaio 1995, n. 5 (Norme per il governo del territorio), ancora vigente al momento dello svolgimento delle conferenze programmatiche come di seguito specifi cato;
Ricordato che in attuazione di quanto disposto dall’articolo 1, comma 1, del d.l. 180/1998, convertito dalla l. 267/1998, come da ultimo modificato dal d.l. 132/1999, convertito dalla l. 226/1999, il Comitato istituzionale dell’autorità di bacino del fi ume Serchio con deliberazione 18 dicembre 2001, n. 112 ha adottato il progetto di piano stralcio per l’assetto idrogeologico che è stato depositato presso la medesima autorità, la Regione Toscana, le Province di Lucca, Pisa e Pistoia per essere sottoposto a consultazione e ad osservazioni;
Visto l’articolo 1 bis, comma 3, del d.l. 279/2000, convertito dalla l. 365/2000, che stabilisce che “ai fi ni dell’adozione ed attuazione dei piani stralcio e della necessaria coerenza tra pianifi cazione di bacino e pianifi cazione territoriale, le regioni convocano una conferenza programmatica, articolata per sezioni provinciali, o per altro ambito territoriale deliberato dalle regioni stesse, alle quali partecipano le province ed i comuni interessati, unitamente alla regione e ad un rappresentante dell’Autorità di bacino”;
Visto l’articolo 1 bis, comma 4, del d.l. 279/2000, convertito dalla l. 365/2000, che stabilisce inoltre che la conferenza “esprime un parere sul progetto di piano con particolare riferimento alla integrazione a scala provinciale e comunale dei contenuti del piano, prevedendone le necessarie prescrizioni idrogeologiche e urbanistiche. Il parere tiene luogo di quello di cui all’art. 18, comma 9, della Legge 18 maggio 1989 n. 183”;
Visto che con deliberazione 6 agosto 2001, n. 948 la Giunta regionale ha stabilito di procedere alla convocazione delle conferenze in ciascun bacino del territorio toscano, chiamando ad esprimersi province, comuni, comunità montane ed enti parco, analogamente a quanto previsto dalla legge regionale 11 dicembre 1998, n. 91 (Norme per la difesa del suolo) per i bacini di rilievo regionale, stabilendo altresì che le conferenze assumano anche gli effetti di quelle di cui all’articolo 7, (Formazione e approvazione del P.I.T. – Modifi ca all’art. 6 della L.R. 9 giugno 1992, n. 26), comma 2 e seguenti della l.r. 5/1995;

Considerato che:

  • ai fini dell’espressione del parere di cui al d.l. 279/2000, convertito dalla l. 365/2000, in data 10 aprile 2003 è stata convocata la conferenza programmatica per il bacino del fi ume Serchio la cui seduta conclusiva si è tenuta in data 20 aprile 2004;
  • la Giunta regionale con deliberazione 2 agosto 2004, n. 769 ha fatto proprio il parere favorevole espresso dalla conferenza programmatica in merito al progetto di piano stralcio per l’assetto idrogeologico, parere che ha indicato inoltre le relative proposte di modifi ca di alcuni determinati aspetti fi nalizzati in particolare a garantire la necessaria coerenza tra pianificazione di bacino e pianificazione regionale;
  • il piano stralcio per l’assetto idrogeologico nel bacino del fi ume Serchio è stato aggiornato tenendo conto del parere della conferenza programmatica e degli ulteriori approfondimenti istruttori del Comitato tecnico ed adottato dal Comitato istituzionale con deliberazione 5 ottobre 2004, n. 132;

Dato atto che piano stralcio per l’assetto idrogeologico nel bacino del fi ume. Serchio risulta costituito da:

  1. Relazione
  2. Elaborati cartografici:
    • Carta dei limiti amministrativi del bacino del F. Serchio in scala 1:100.000
    • Carta della franosità del bacino del F. Serchio (21 tavole in scala 1:10.000
    • Carta dei fenomeni franosi e della pericolosità geomorfologia (1 tavola in scala 1:50.000 e 4 tavole in scala 1:25.000)
    • Carta delle aree di pertinenza fl uviale e lacuale in scala 1:50.000
    • Carta delle aree allagate e/o della pericolosità idraulica in scala 1:50.000
    • Carta degli interventi per la riduzione del rischio idraulico in scala 1:50.000
    • Carte di riferimento delle norme di piano nel settore del rischio idraulico (1 tavola in scala 1: 50.000 e 53 tavole in scala 1:10.000)
    • Carta degli impianti idroelettrici in scala 1:100.000
    • Delimitazione dell’area del bacino del lago di Massaciuccoli in scala 1:50.000
  3. Norme di piano;
Considerato pertanto necessario procedere all’approvazione del piano stralcio per l’assetto idrogeologico nel bacino del fi ume Serchio ai sensi dell’articolo 30, comma 3, della l. 183/1989;

DELIBERA
  1. di approvare ai sensi dell’articolo 30, comma 3, della l. 183/1989 piano stralcio per l’assetto idrogeologico nel bacino del fi ume Serchio, adottato dal Comitato istituzionale dell’autorità di bacino del fi ume Serchio con deliberazione 5 ottobre 2004, n. 132 (allegato A);
  2. di dare mandato all’autorità di bacino del fi ume Serchio di provvedere a trasmettere agli enti interessati la presente deliberazione di approvazione, completa degli elaborati costituenti il piano;
  3. di dare atto che il presente piano stralcio per l’assetto idrogeologico entra in vigore dalla data di pubblicazione sul Bollettino Uffi ciale della Regione Toscana;
  4. di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente provvedimento sul Bollettino Uffi ciale della Regione Toscana, ai sensi dell’articolo 3, comma 1, della legge regionale 15 marzo 1996, n. 18 (Ordinamento del Bollettino Uffi ciale della Regione Toscana e norme per la pubblicazione degli atti), così come modifi cata dalla legge regionale 3 agosto 2000, n. 63.

IL CONSIGLIO APPROVA
con la maggioranza prevista dall’articolo 15 dello Statuto.

Il Presidente Riccardo Nencini

Il Segretario Francesco Pifferi

  • Autorità di Bacino pilota del fiume Serchio
  • Via Vittorio Veneto, 1 - 55100 Lucca (LU)
  • Telefono: 0583.462241 0583.952355
  • C.F.: 93014950500 - PEC: bacinoserchio@postacert.toscana.it