La procedura per l'approvazione del Piano di Bacino Stralcio Assetto Idrogeologico 1° aggiornamento

1. Adozione del Progetto di Piano (21 Dicembre 2010)

In data 21 Dicembre 2010 il Comitato Istituzionale dell’Autorità di Bacino del fiume Serchio, con delibera n. 168 del 21 dicembre 2010, ha adottato il Progetto di Piano Variante al Piano di Bacino Stralcio “Assetto Idrogeologico” Primo aggiornamento, costituito dalla seguente documentazione:

Fino all’approvazione del Piano di Bacino, Stralcio Assetto Idrogeologico” - 1° aggiornamento le Norme di Progetto di Piano che hanno subito modifiche rispetto a quelle vigenti hanno assunto valenza di misure di salvaguardia. Anche le cartografie del progetto di Piano hanno assunto valore di misure di salvaguardia, in sostituzione delle cartografie del PAI del 2005. In seguito all'adozione del Piano, avvenuta in data 8 marzo 2013, tali misure di salvaguardia sono decadute.

2. Partecipazione pubblica

Ai fini della pubblicità e partecipazione al procedimento di formazione del “Piano di bacino, stralcio per l’Assetto Idrogeologico del Fiume Serchio. 1° Aggiornamento”, è stata disposta una fase di consultazione pubblica, della durata di 90 giorni a partire dal 9 febbraio 2011, avviata con notizia di avvenuta adozione del Progetto di Piano e delle relative misure di salvaguardia sulla Gazzetta Ufficiale n. 32 e sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana n. 6 del 9 Febbraio 2011.

Sono pervenute a questa Autorità circa 80 osservazioni, da soggetti pubblici e privati, inerenti cartografia e norme di piano. Fra questi, in particolare, alcuni dei comuni della parte terminale del bacino hanno prodotto approfondimenti conoscitivi idraulici (propagazione della piena mediante modellazione bidimensionale), in seguito ai quali l’Autorità di bacino ha analogamente dettagliato lo stato delle conoscenze sul territorio dei comuni contermini, al fine di ottenere uno scenario omogeneo della pericolosità idraulica nel basso corso del Serchio. Inoltre sono stati precisati origine e caratteri dei fenomeni alluvionali in territori caratterizzati da importanti dinamiche d’alveo e di trasporto solido, che hanno originato una diversa classificazione della pericolosità idraulica in tali ambiti. Infine, in occasione di incontri tecnici avvenuti nei mesi di settembre-ottobre 2011 tra i referenti dell’Autorità di bacino, della Regione Toscana e i rappresentati dei Comuni, sono state proposte correzioni alle disposizioni normative.

Le modifiche da apportare al Piano in conseguenza delle osservazioni e del tavolo di concertazione appena ricordati non hanno cambiato sostanzialmente i contenuti e gli obiettivi del Progetto di Piano adottato, ma comunque hanno delineato un Piano diverso, per numerose zone del bacino, da quello adottato nel 2010. Il Comitato Tecnico, nella seduta del 16 febbraio 2012, ha pertanto ritenuto opportuno dare nuova pubblicità al Piano in corso formazione, per consentire ampia partecipazione pubblica e scambio di informazioni con gli enti locali e i soggetti privati circa le determinazioni che il Piano avrebbe assunto. Mediante pubblicazione di apposita notizia su Gazzetta Ufficiale e Bollettino Ufficiale della Regione Toscana in data 28 marzo 2012 si è aperta pertanto una nuova fase di partecipazione pubblica, della durata di 30 giorni, al fine di consentire la presentazione, da parte di chiunque abbia interesse, di ulteriori osservazioni sulle modifiche che si intendono apportare al Piano. Ciò nell’ambito del procedimento già avviato, e quindi ferma restando l’adozione del Progetto di Piano avvenuta nel 2010 con le relative misure di salvaguardia.

Materiale sottoposto a nuova consultazione:

3. Adozione del Piano (8 marzo 2013)

Il Comitato Istituzionale dell'Autorità di bacino del Serchio, nella seduta del 8/03/2013, ha adottato il "Piano di bacino, stralcio per l'Assetto Idrogeologico del fiume Serchio (PAI) - Primo Aggiornamento" e le relative misure di salvaguardia.

Misure di Salvaguardia

Ai sensi dell'articolo 65 comma 7 del D. Lgs. 152/2006 e dell'art. 46 delle Norme di Piano adottate, a decorrere dalla data di adozione del Piano e fino alla approvazione del medesimo, o in mancanza della stessa, per un periodo pari a tre anni decorrenti dalla data della delibera di adozione, hanno efficacia immediata, quali misure di salvaguardia:

  • le disposizioni di cui agli articoli 6, 7, 12, 13, 14, 15 bis, 20, 21, 22, 22bis, 23, 23bis, 24, 25, 25bis, 25ter, 32, 40, 41, 44, 46, 50, 50bis, 51, 52 delle Norme del Piano adottato;
  • le tavole di cui all'art. 6, comma 2 delle Norme del Piano adottato;

In particolare si segnala la disposizione di cui all'articolo 46, comma 2, delle Norme del Piano adottato, che di seguito si riporta:

"Nei termini temporali suddetti, al fine di assicurare la tutela del territorio rispetto agli effetti dinamici delle possibili rotture arginali, nelle aree poste all'interno della fascia di 100 ml dall'argine del fiume Serchio e dagli argini degli affluenti rigurgitati nei tratti con opere idrauliche classificate in II categoria, aree rappresentate nella Tav. 10 del presente PAI, sono inibite le nuove utilizzazioni dei suoli, i nuovi fabbricati nonchè gli interventi sul patrimonio edilizio esistente che comportino aumento di esposizione al rischio. Ai fini dell'applicazione della presente disposizione, vale la verifica puntuale della suddetta distanza, misurata a partire dal piede esterno dell'argine. Sono fatte salve dalla presente misura di salvaguardia le pratiche edilizie per le quali, alla medesima data di adozione del "Piano di bacino stralcio assetto idrogeologico – I° aggiornamento", risulti presentata al Comune competente l'istanza per l'approvazione dell'eventuale piano urbanistico attuativo ovvero per il rilascio/attestazione del titolo autorizzativo edilizio."

Fiume Serchio - fascia di rispetto arginale (misura di salvaguardia art.46) (1/25.000)




Scala 1:25.000
Versione PDF - Torna all'inizio

Le suddette misure di salvaguardia esplicano la loro efficacia nei confronti degli interventi diretti di trasformazione edilizia del territorio e si sostituiscono a quelle del "Progetto di Piano di bacino stralcio assetto idrogeologico – I° aggiornamento", adottate dal Comitato Istituzionale con delibera n. 168 del 21 dicembre 2010.

Inoltre si segnala che, per effetto dell'art. 52 delle Norme del Piano adottato, sono fatti salvi i pareri favorevoli rilasciati dall'Autorità di bacino successivamente alla data del 26 febbraio 2009 per interventi di trasformazione edilizia nelle aree soggette a pericolosità idraulica molto elevata ed elevata nonché i pareri favorevoli rilasciati dall'Autorità di bacino successivamente alla data del 18 marzo 2008 per interventi di trasformazione edilizia nelle aree soggette a pericolosità da frana molto elevata ed elevata.

Si fa presente infine che, per effetto dell'art. 51 comma 7, alle pratiche in giacenza dal 7 gennaio 2013, per le quali l'Autorità di bacino non ha concluso il proprio procedimento istruttorio e non ha rilasciato parere di competenza, "saranno applicate le disposizioni normative più favorevoli tra quelle vigenti alla data di presentazione dell'istanza all'Autorità e quelle vigenti alla data di formalizzazione del parere della medesima Autorità"

L'avviso di adozione del "Piano di bacino, stralcio per l'Assetto Idrogeologico del fiume Serchio (PAI) - Primo Aggiornamento" e delle relative misure di salvaguardia sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e sul Bollettino della Regione Toscana.

Con esclusione delle Misure di Salvaguardia, che sono decadute, i contenuti del "Piano di bacino, stralcio per l'Assetto /Idrogeologico del fiume Serchio (PAI) - Primo Aggiornamento" approvato con DPCM 26/07/2013 coincidono con quelli del "Piano di bacino, stralcio per l'Assetto Idrogeologico del fiume Serchio (PAI) - Primo Aggiornamento" adottato dal C.I. in data 08/03/2013 con delibera n. 174.

4. Approvazione del Piano (26/07/2013; entrata in vigore 12/02/2014)

Con DPCM 26/07/2013 il "Piano di bacino, stralcio per l'Assetto Idrogeologico del fiume Serchio (PAI) - Primo Aggiornamento" è stato approvato. La sua efficacia decorre dal 12/02/2014 giorno sucessivo alla pubblicazione del DPCM sulla G.U. n. 32 del 11/02/2014. Il materiale relativo al materiale approvato è disponibile nel mnù contestuale presente nella parte sinistra di questa pagina.

  • Autorità di Bacino pilota del fiume Serchio
  • Via Vittorio Veneto, 1 - 55100 Lucca (LU)
  • Telefono: 0583.462241 0583.952355
  • C.F.: 93014950500 - PEC: bacinoserchio@postacert.toscana.it