Progetto di Piano Gestione Rischio Alluvioni

Di seguito è riportata una sintesi delle tappe principali connesse alla formazione del PGRA.

A dicembre 2014 il Comitato Istituzionale ha approvato il “Progetto di Piano di gestione del rischio di alluvioni del Distretto Idrografico del fiume Serchio”, e a partire da tale data si è avviato il processo di partecipazione.
Con decreto n. 94 del 16/06/2015 del Segretario Generale è stato approvato il Rapporto Ambientale (comprensivo della valutazione di incidenza) con relativa sintesi non tecnica del Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni del Distretto Idrografico del fiume Serchio ai sensi degli artt. 13 e 14 del D.Lgs. 152/2006.
I contenuti del Progetto di Piano sono elencati di seguito e resi disponibili nelle relative sezioni


Copertina Progetto  di Piano

Le mappe di pericolosità e rischio

Il 19 giugno 2013 il Comitato Tecnico ha approvato la metodologia da seguirsi per la redazione delle mappe di pericolosità e di rischio di alluvione del distretto del Serchio e ha inoltre approvato le mappe nella versione richiesta dal DLgs. 49/2010. Le stesse mappe sono state quindi sottoposte a partecipazione durante il secondo semestre del 2013. Nella successiva seduta del 6 dicembre 2013 il Comitato Tecnico ha approvato la versione definitiva delle mappe di pericolosità e di rischio di alluvioni predisposte dalla Segreteria Tecnica per rispondere a quanto richiesto dalla direttiva europea e dal decreto di recepimento.
Tali mappe, come meglio dettagliato nella relazione metodologica che le accompagna, sono sostanzialmente coerenti (salvo alcune integrazioni) con il quadro conoscitivo di pericolosità idraulica del P.A.I. – 1° Aggiornamento approvato con DPCM del 26/07/2013.

Si evidenzia comunque che le mappe prodotte in questa fase non assumono alcun valore vincolante sul territorio ma rappresentano soltanto un adempimento necessario nel processo di predisposizione dei citati Piani di Gestione.

A tale proposito si ricorda che il D.Lgs. 49/2010 di recepimento (art.6, comma 1) chiede di predisporre le mappe "(....) fatti salvi gli strumenti già predisposti nell’ambito della pianificazione di bacino in attuazione delle norme previgenti, nonché del D.Lgs 152/06". Pertanto, ad oggi, il P.A.I. rimane l’unico strumento di riferimento per la pianificazione di settore.

Le attività tecniche svolte per la redazione delle mappe sono state portate avanti dalla Segreteria Tecnica in coordinamento con le altre Autorità di bacino (“unità di gestione”); ciò anche al fine di contribuire all’obiettivo - posto a scala nazionale - di raggiungere un primo livello comune di rappresentazione delle informazioni disponibili connesse al rischio idraulico.

La predisposizione di queste mappe ha rappresentato un passo fondamentale nella prospettiva del Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni.

Le mappe di pericolosità e di rischio fanno parte integrante della documentazione di Piano.

  • Autorità di Bacino pilota del fiume Serchio
  • Via Vittorio Veneto, 1 - 55100 Lucca (LU)
  • Telefono: 0583.462241 0583.952355
  • C.F.: 93014950500 - PEC: bacinoserchio@postacert.toscana.it